OS X 10.11 El Capitan Cosa cambia rispetto a Yosemite?

30 Settembre 2015, intorno alle 19:00:  data di rilascio di OS X 10.11 El Capitan!

Apple rilascia quindi il suo nuovo sistema operativo e le domande principali sono sostanzialmente due:

  1. Conviene installarlo?
  2. El Capitan cosa cambia rispetto a Yosemite?

Conviene installarlo?

Il linea di massima il suggerimento è quasi sempre si! Però ci sono una serie di cose da tenere in conto. In primis bisogna considerare il proprio hardware, in quanto un Mac un pò vecchiotto potrebbe avere poco o nessun beneficio ad installare un sistema operativo pensato e concepito su un hardware più recente. Guardando anche i requisiti hardware richiesti non consiglio di installarlo su una macchina con meno di 4GB di RAM!

Quindi se il vostro Mac Book, iMac già funziona bene e lavora senza problemi perchè cambiare?

Comunque andiamo a vedere dove può “girare”:

  • iMac (Metà 2007 o seguenti)
  • MacBook (Fine 2008 o inizio 2009 e seguenti)
  • MacBook Pro (Metà/Fine 2007 o seguenti)
  • MacBook Air (Fine 2008 o seguenti)
  • Mac mini (Inizio 2009 o seguenti)
  • Mac Pro (Inizio 2008 o seguenti)

I requisiti minimi sono: la presenza di OS X 10.6.8, 2GB di memoria RAM e 8GB di spazio libero su disco.

In linea di massima non si distanzia molto dal criticato Yosemite in quanto introduce (secondo Apple) miglioramenti nell’apertura delle app e nel passare da un’app all’altra, miglioramenti dal punto di vista grafico in termini di prestazioni grazie alla tecnologia Metal ed altri miglioramenti vari nella ricerca e nelle app che vedremo in seguito.

Quindi continuate a leggere per capire se vi convincono le nuove implementazioni e se vi conviene fare l’upgrade o meno. Consiglio inoltre di non effettuare l’upgrade al day one (oggi) in quanto si potrebbero comunque leggere opinioni in rete di persone con il vostro stesso hardware per capire se ci sono problemi a seguito dell’aggiornamento, consiglio valido soprattutto per chi utilizza il proprio dispositivo per lavorare!

Se decidete di installare, oggi o in seguito effettuate una bella rimozione di App che non utilizzate mai dal sistema e come consiglio sempre fate un bel backup completo dei vostri dati.

El Capitan cosa cambia rispetto a Yosemite?

 SAFARI 9

pinned sites in el capitanCi sono stati vari cambiamenti in Safari da parte di Apple, in primo luogo andiamo notare la possibilità di “mute” su ogni scheda (pannello) del browser, quindi continuando ad utilizzare l’audio di una scheda dove magari stiamo ascoltando la radio, possiamo andare a vedere un video Youtube “silenziando” solo quel pannello in particolare.

E’ possibile trasmettere video dalla rete (Youtube per esempio) direttamente sulla Apple TV senza trasmettere il contenuto del nostro desktop.

Pinned Sites permette di tenere attivi i siti web preferiti dall’utente direttamente nella barra dei pannelli. Un modo molto veloce per richiamare i propri siti preferiti e gestirli in libertà.

Ci sono novità che riguardano la condivisione (su Note e Promemoria), possibilità di scegliere dove scaricare il file ogni volta che viene avviato un download (come accade da tempo su browser concorrenti), possibilità di switchare tra pannelli tramite scorciatoia da tastiera CMD-1 a CMD-9.

Novità anche per i web designer che avranno ad esempio la possibilità di visualizzazione del sito in costruzione su altri dispositivi Apple come iPhone e iPad e con varie risoluzioni. Questa features è chiamata Modalità di design reattivo.

NOTE

note in el capitanApple ha ridisegnato Note e adesso permette il drag&drop di foto, PDF, filmati ed altri file e sarà presente nel tasto condivisione la possibilità di allegare file su Note. Sarà possibile creare checklist semplicemente con un click e tenerle sincronizzate tramite iCloud, inoltre sarà possibile scrivere direttamente a mano su Note.

SPOTLIGHT

Anche Spotlight diventa oggetto di cambiamento e adesso include maggiori risultati e da fonti più varie come ad esempio i risultati dello sport, il meteo, in alcuni Paesi anche i tragitti dei mezzi pubblici, i filmati dalla rete (YouTube). Inoltre Apple ha implementato la possibilità di utilizzo di un linguaggio più naturale, più user friendly nelle ricerchi. Ad esempio potremmo ricercare “tutte le mail ricevute da Antonio Rossi” o ad esempio “tutti i documenti salvati ieri”.

FONT SAN FRANCISCO

El Capitan sarà la piattaforma che porterà all’adozione al nuovo font di sistema, San Francisco, un carattere moderno particolarmente adatto agli schermi Retina, che permette di avere una maggiore leggibilità data dalla distanza maggiore tra le lettere e un’altezza delle minuscole pari al 75% delle maiuscole. Anche a dimensioni minori risulta maggiormente leggibile.

MAPPE

maps el capitanAnche le mappe si aggiornano e come accaduto per iOS9 adesso includono orari del trasporto pubblico e il tragitto indicato all’interno della mappa stessa. E’ anche in grado di fare da supporto per l’organizzazione di un viaggio, pianificando tratti in treno, a piedi o con mezzi pubblici. Sfortunatamente le informazioni sui trasporti sono disponibili solo per alcune città americane e cinesi.

FINDER

Altre novità riguardano il Finder che adesso permette la copia di file multipli “tenendo memoria” di quanto fatto. Ad esempio se stiamo copiando 100 file ma arrivati al file n.65 ci viene detto che questo file è in uso, il vecchio Finder interrompeva l’operazione. Il nuovo Finder terrà traccia di quanto fatto e riprenderà da dove era arrivato. Comodo no?

Finder adesso permette la copia dei percorsi dei file direttamente da un menù contestuale e permette di rinominare il file con il “tasto destro” come accade anche su Windows oltre che con il tasto “A capo” come è sempre stato.

SICUREZZA

Il vecchio sistema di sicurezza di OS X permetteva di tenere al sicuro da modifiche da applicazioni potenzialmente dannose, ma non garantiva protezione da azioni che l’utente stesso poteva mettere in atto all’interno del sistema. Con OS X 10.11 El Capitan, Apple limita alcuni potenziali danni che un utente potrebbe fare fornendo ad applicazioni sconosciute username e password dell’amministratore, impedendo la modifica di alcuni file e cartelle, in particolare: /System, /bin, /usr e /sbin.

Quindi tutte le applicazioni che provengono al di fuori dell’Apple Store adesso devono tenere in conto di questa cosa e ovviamente renderà più difficoltoso sviluppare applicativi che vanno a modificare il comportamento del sistema. A tutto vantaggio però della sicurezza dell’utente. Anche a livello di comunicazione server Apple ha introdotto novità, infatti non sarà più possibile (in realtà è disattivabile) avviare comunicazioni non protette su HTTP e ha comunicato agli sviluppatori di adeguarsi ad utilizzare il protocollo HTTPS che consente di effettuare trasferimenti riservati di dati nel web.

Altro sistema di sicurezza inserito da Apple riguarda la protezione dell’account. Un meccanismo a due fattori permette adesso di proteggere il proprio account anche quando viene compromessa la password dello stesso. Infatti Apple invierà un codice di verifica su un dispositivo con iOS9 o El Capitan che è considerato attendibile. Quindi se un maleintenzionato vuole avere accesso al nostro account dovrà conoscere la password di accesso, ma avere anche tra le mani un dispositivo per la ricezione del codice di verifica.

TANTE ALTRE NOVITA’

mission control el capitanMolte altre novità sono state introdotte, come ad esempio la possibilità di aggiungere la geolocalizzazione alle foto inserite in Foto, è stata ridisegnata e semplificata la Utility Disco, è stato progettato un cursore speciale che si ingrandisce per essere facilmente trovato, è stato aggiunto il supporto a nuove lingue con miglioramenti sensibili per le lingue orientali. Ci sono miglioramenti nelle funzioni di completamento automatico dei form sul web, miglioramenti evidenti al Mission Control che permette di trovare velocemente la finestra che si sta cercando e di utilizzare la funzione Split View che posiziona a metà schermo due finestre con due app nella stessa area di visualizzazione, ci sono miglioramenti a Mail con una integrazione maggiore con i calendari e con i contatti.